Bandi di Concorso per 2175 posti presso gli enti della regione Campania

Il concorso, gestito attraverso le procedure RIPAM/Formez, prevede l'assunzione a tempo indeterminato di complessive 2175 unità in vari profili nelle amministrazioni della regione Campania, tra cui la regione stessa, il consiglio regionale, e i comuni. Il concorso è suddiviso in due bandi, uno di 950 unità di categoria D relativo cioè ai laureati, l'altro di 1225 unità di categoria C relativo ai diplomati. Il concorso è definito in particolare un corso - concorso in quanto è previsto per i vincitori un periodo preliminare di 10 mesi di tirocinio retribuito. L'iscrizione al concorso si effettua esclusivamente online attraverso la piattaforma online RIPAM Step One 2019, non sono previste quote di partecipazione e si può concorrere per più profili.


Quello che segue vale sia per il concorso per diplomati che per laureati, in più per questi ultimi che supereranno la prova orale è prevista anche la valutazione dei titoli riportati nel rispettivo bando. Il concorso si articola in una prova preselettiva, in una prova selettiva scritta, di una fase di formazione obbligatoria, e di una prova orale.

La prova preselettiva è comune a tutti i profili, ed è costituita da 80 quesiti a risposta multipla da risolvere in 80 minuti, di cui 50 attitudinali e 30 relativi alle materie indicate nel bando. Queste ultime includono il diritto amministrativo, quello costituzionale. Verranno attribuiti i seguenti punteggi: +1 per risposta esatta, 0 per risposta non data, -0.33 per risposta errata. La prova sarà superata da un numero di candidati pari a 4 volte le risorse richieste, oltre i pari merito.

La prova selettiva scritta varia in base al profilo, ed è costituita da 60 quesiti da completare in 60 minuti, riguarderà solamente le materie specialistiche e sarà superata raggiungendo almeno un punteggio pari a 21/30.

Il superamento della prova scritta permette ai candidati di accedere a un tirocinio retribuito, cioè la cosidetta fase di formazione e rafforzamento. Questa ha una durata di 10 mesi, è retribuita con 1000€ lordi mensili, prevede una frequenza obbligatoria di almeno l'80%. La commissione attribuisce mediante una prova scritta un punteggio massimo di 30 punti, la prova di tirocinio è superata con la votazione minima di 21/30.

Seguirà una prova selettiva orale che verterà sulle materie già incontrate nella prova scritta e superata raggiunto il punteggio di almeno 21/30.

La graduatoria finale riporterà il punteggio espresso in novantesimi come somma di quelli conseguito nelle prove scritta, orale, e di tirocinio. Sono nominati vincitori chi si colloca utilmente in graduatoria fino all’esaurimento dei posti disponibili.

Termini e risorse